Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Primo Piano Le isole Eolie

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

I più visitati in Italia

  • Sunland Viaggi e Turismo Costa di Amalfi

    Sunland Viaggi e Turismo è sinonimo di garanzia grazie all'esperienza ultratrentennale nel settore ricettivo-alberghiero e dell'incoming in Costiera Amalfitana, Cilento, Penisola Sorrentina e Golfo di Napoli. La Sunland offre attività di ground handling...

  • Amalfi Coast Destination Tour e Trasferimenti

    La Costiera Amalfitana, terra di bellezze naturali, antiche tradizioni, arte, storia millenaria, cultura e gastronomia: un mix di esperienze sensoriali che rendono questa località unica al mondo. Se siete alla ricerca di un transfer o un tour privato...

  • Amalfi Boats Costa di Amalfi

    G La storia, la tradizione, l'arte... questi i presupposti di una costiera che non può essere goduta solo via terra, ma che ogni anfratto, ogni scorcio dovrebbe essere scoperto via mare in piena libertà e con la serenità che può trasmettere solo un panorama...

  • Amalfi Coast Trasferimenti Esclusivi Costa di Amalfi Sergio Barbaro

    La nostra compagnia, grazie all'esperienza trentennale nel mondo dei trasporti offre il servizio di n.c.c. (noleggio con conducente). Il nostro obbiettivo principale è la totale soddisfazione del Cliente, quindi, l'esperienza e la professionalità sono...

  • Plaghia Charter Costa di Amalfi

    Chiudete gli occhi ed immaginate una vacanza lontana dai soliti schemi: il contatto diretto col mare senza, però, rinunciare a tutti i più moderni comfort, il piacevole tepore dei raggi del sole, il profumo di salsedine misto alle tipiche essenze della...

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Le isole Eolie

D'inverno, al viaggiatore che percorre la sinuosa strada litoranea che costeggia il Tirreno, le isole Eolie (inserite nell'elenco dei Beni Patrimonio dell'Umanità nel 2000) appaiono nell'aria immota e limpida come certi disegni di bambini, con le sagome delle isole a galleggiare fra mare e cielo turchino. Nelle giornate calde, invece, quando la foschia s'adagia sull'orizzonte, gli incerti profili azzurri delle isole sembrano quelle d'un antica flotta, arenatasi sui fondali in speranzosa attesa di salvataggio. Ma nell'una come nell'altra stagione, esse accompagnano per lungo tratto il viaggiatore, ed è difficile resistere al loro richiamo, come se novelle sirene intonassero i loro canti maliardi dalle coste che sembrano così vicine. Isole quasi magiche, le Eolie, e favolose: qui gli antichi Greci, affascinati dal loro mutevole aspetto - esse, invero, appaiono e scompaiono secondo il capriccio delle nubi e dei venti, mutando colore e, sembrerebbe, perfino posizione - ambientarono più d'uno dei loro miti. Non è difficile comprenderlo anche oggi, pur con le nostre anime ormai avvezze a ogni forma di tecnologia, fin da quando si arriva a Vulcano, primo approdo del navigante che giunge dalle coste siciliane. Col suo aspetto fosco e il sentore di zolfo che vi aleggia, potrebbe sembrare davvero l'anticamera dell'inferno... e per certi versi lo fu, per le folte schiere di dannati che, fino alla fine dell'Ottocento, vi furono costretti in inumana prigionia a estrarre zolfo e allume dalle viscere della terra. Oggi di quei miseri forzati resta solo il ricordo, e l'isola è meta invece di turisti e di vulcanologi. I primi alla ricerca dell'emozione di un bagno nei fanghi riscaldati dal vulcano (e che hanno validità terapeutica per la cura di alcune malattie della pelle) e di un'ascesa al vulcano ammantato di polvere e cristalli di zolfo; i secondi attratti dalla possibilità di osservare e studiare da vicino i fenomeni vulcanici, unica traccia, almeno per il momento, di un'attività eruttiva che nel passato provocò immani cataclismi, descritti dagli storici fin dai tempi di Plinio il Vecchio con dovizia di spaventosi particolari. Fu proprio un'eruzione a distaccare Vulcano dalla sua vicina Lipari , il cuore pulsante dell'arcipelago, sua capitale fin dalle epoche più remote, quando le isole erano al centro del fiorente commercio dell'ossidiana, il vetro vulcanico ricercato in ogni angolo del Mediterraneo per le sue doti: non solo era una pietra assai tagliente, ma aveva perfino fama di essere taumaturgica, magica. Il paese si dispone tutt'intorno a due approdi e custodisce il Museo Archeologico Eoliano, uno dei più importanti d'Italia, ospitato nell'area del castello, la zona fortificata dove si stabilirono via via i successivi abitanti dell'isola. Oltre a reperti che testimoniano dell'antica storia dell'arcipelago, il museo ha anche una sezione vulcanologica in cui è illustrata la particolare geologia delle isole. Dopo la sosta nel museo si può visitare la chiesa del patrono San Bartolomeo, dal bel soffitto affrescato, vedere gli scavi che hanno messo in luce abitazioni di epoche diverse (alcune risalenti alla preistoria) e affacciarsi dal belvedere presso il teatro, per godere del magnifico panorama su Marina Corta, il pittoresco porticciolo che è uno dei cuori della vita sociale liparota. Ripreso il mare, si impone la circumnavigazione dell'isola, che consentirà ai naviganti di ammirare grotte, calette e scogli, prima di prendere il largo alla volta di Salina, la tappa successiva. Dominata dalla mole gemella di due monti, quest'isola è detta "la verde" per la quantità di vegetazione che la ricopre, e in effetti i suoi due prodotti principali sono legati proprio alla natura: i capperi e il malvasia, liquore dolce noto fin dall'antichità. A Salina si visita il borgo di Pollara, con la sua spiaggia ai piedi di una ciclopica parete strapiombante, e si ripercorrono le tracce di Massimo Troisi, che qui girò Il Postino, il suo ultimo film. L'arcipelago, del resto, vanta una lunga storia cinematografica: a Stromboli, ad esempio, Roberto Rossellini girò il film omonimo con Ingrid Bergman, consegnando al vasto pubblico le immagini nere e brulle dell'isola. Essa altro non è che la vetta di un immane vulcano sottomarino, la cui attività, documentata fin dalla notte dei tempi, non conosce soste, tanto che le eruzioni, a intervalli quasi regolari di 15 - 20 minuti, fungevano addirittura da faro per coloro che percorrevano il basso Tirreno. Oggi si organizzano escursioni notturne per vedere le eruzioni rosseggiare contro il velluto nero del cielo. Resta da dire di Panarea, pittoresco mix di mare, archeologia e mondanità. Su quest'isola, che da diversi anni si distingue per il suo turismo esclusivo, preferito dai più noti membri del jet set internazionale, nei pressi di Punta Milazzese c'è uno dei villaggi preistorici più importanti per la storia dell'arcipelago, ma anche la splendida Cala Junco, una delle più belle delle Eolie. E resta da dire delle due sorelle più appartate e solitarie, Alicudi e Filicudi. La prima, più occidentale, non è isola per tutti: basti sapere che non vi è neanche una strada carrozzabile ma solo viottoli lungo i quali inerpicarsi a piedi o a dorso di mulo. Le case sono poche e piccine, concentrate nella parte occidentale, e solo da pochi anni dispongono di energia elettrica. Anche Filicudi è ben lontana dal turismo di massa, sebbene meno selvatica della sua vicina. Imperdibile il bagno nel gigantesco antro del Bue Marino, così come le escursioni alla punta del Perciato e alla Canna, un faraglione basaltico che si innalza per oltre settanta metri sulla superficie del mare. E poiché stiamo parlando di isole e mare, nel bagaglio non potranno mancare maschera e boccaglio: anche i meno esperti potranno così esplorare i magnifici fondali, osservando a pelo d'acqua le praterie di gorgonie e gli agili guizzi d'ogni sorta di pesci.

(fonte: Sicilian World Heritage)

Scegli la lingua

italiano

english