Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Primo Piano Percorso SCULTURA

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

I più visitati in Italia

  • Amalfi Coast Destination Tour e Trasferimenti

    La Costiera Amalfitana, terra di bellezze naturali, antiche tradizioni, arte, storia millenaria, cultura e gastronomia: un mix di esperienze sensoriali che rendono questa località unica al mondo. Se siete alla ricerca di un transfer o un tour privato...

  • Sunland Viaggi e Turismo Costa di Amalfi

    Sunland Viaggi e Turismo è sinonimo di garanzia grazie all'esperienza ultratrentennale nel settore ricettivo-alberghiero e dell'incoming in Costiera Amalfitana, Cilento, Penisola Sorrentina e Golfo di Napoli. La Sunland offre attività di ground handling...

  • Amalfi Boats Costa di Amalfi

    G La storia, la tradizione, l'arte... questi i presupposti di una costiera che non può essere goduta solo via terra, ma che ogni anfratto, ogni scorcio dovrebbe essere scoperto via mare in piena libertà e con la serenità che può trasmettere solo un panorama...

  • Amalfi Coast Trasferimenti Esclusivi Costa di Amalfi Sergio Barbaro

    La nostra compagnia, grazie all'esperienza trentennale nel mondo dei trasporti offre il servizio di n.c.c. (noleggio con conducente). Il nostro obbiettivo principale è la totale soddisfazione del Cliente, quindi, l'esperienza e la professionalità sono...

  • Autoservizi Imperato Costa di Amalfi

    L'esperienza ultraventennale di Autoservizi Imperato è la vostra garanzia di un servizio efficiente ed altamente professionale di noleggio auto con conducente. Il parco auto è composto da autovetture Mercedes di Classe Superiore, equipaggiate con tutti...

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Percorso SCULTURA

  • ercorso SCULTURA - Locali d'Autore

  • Pieghevole-Scultura.pdf
    Pieghevole-Scultura.pdf

"Le città svolgono una funzione mediatrice tra il passato e l'avvenire, per renderci più accessibile il futuro o per sbarrarci il passo. Ritengo che le città creino una relazione temporale per i loro abitanti e li collochino in qualche modo in una terra di nessuno tra passato e futuro".

È quanto scriveva negli anni Ottanta Wim Wenders, offrendoci uno sguardo sulla città e sulla identità che essa esplicita. Uno sguardo che ha fatto da collante ai vari progetti del programma del "Paese Albergo" che, da anni, vede impegnata l'Amministrazione comunale di Giffoni Sei Casali e la comunità intera. È un programma di idee e di prospettive che ha mirato e mira ad attivare il confronto fra progetto funzionale e creativo, nello specifico il recupero dei centri storici e la scultura contemporanea. Il progetto del Museo Arte Ambientale di Giffoni Sei Casali, nato da una proposta del prof. Massimo Bignardi, docente di Arte Ambientale e Architettura del Paesaggio presso l'Università di Siena e dell'architetto prof. Giuseppe Di Muro è una realtà oramai consolidatasi sulla scena regionale e nazionale: una proposta che mira ad offrire il senso del futuro e al tempo stesso operare il recupero delle manualità e per esse dei materiali originari del patrimonio immaginativo offerto dalla natura, avvertita dalla comunità di Giffoni Sei Casali come un bene inalienabile. La realizzazione oggi dei nuovi interventi progettati da artisti quali Ugo La Pietrae Marco Pellizzola s'inscrive, arricchendolo, nel programma di installazioni di sculture, proiettato a dotare l'intero territorio comunale di elementi a vocazione poetica, espressioni dei linguaggi creativi contemporanei: è un programma già avviato nel 2003 con l'installazione delle prime sculture eseguite dagli artisti Renato Barisani, Nicola, Salvatore, Angelo Casciello, Carmine Limatola e Vincenzo Frattini, arricchitosi di nuove opere con i successivi interventi di Carmine Calvanese, Vincenzo Caruso,Gerardo Di Fiore, Nello Ferrigno, Wanda Fiscina, Antonio Lo Pinto, Angelomichele Risi, Fës-Vincenzo Ruocco,Marco Fusco, Giuseppe Fusco, Luigi Vollaro, Bernd Zimmer e Annibale Oste al quale si deve l' Albero dei Picentini, nel casale di Malche che apre sullo scenario dei Monti Picentini. Il Museo Arte Ambientale di Giffoni Sei Casali si propone secondo il commento di autorevoli studiosi, tra questi Cesare De Seta - quale laboratorio di una sperimentazione di una nuova metodologia progettuale d'intervento nell'urbano e nel territorio che guarda alle esperienze in corso della scultura contemporanea, collegandole al desiderio di conquistare i luoghi e gli spazi del sociale, misurando, quindi, la necessità di dotare i centri di corpi immaginativi, di presenze che sollecitano il dialogo creativo con la contemporaneità.
È un modo di pensare all'organizzazione della comunità, intesa come nucleo attivo, e al tempo stesso aprire il centro storico, la dimensione del suo spazio sociale, all'immaginario collettivo, ove è possibile instaurare un filo diretto e di continuità con l'essenza antropologica, in pratica con le radici della comunità. L'esigenza è quella di riflettere sulla vitalità delle Arti, ovvero sul loro essere espressione di una "volontà" da parte del corpo sociale. Indirizzi progettuali quindi sollecitati da un'attenzione alla storia, la cui valutazione è segnata soprattutto dal ricordo personale e dalle frange attive della memoria collettiva, considerando quest'ultima materia della contemporaneità. L'idea di trattare lo spazio urbano come materia modellabile della contemporaneità hanno spinto i curatori ad interventi che abbiano come dettato di fondo la "leggerezza", affidando ad essa il valore di un progetto rivolto al futuro che accetta la prerogativa della metamorfosi nel tempo: definire, come negli auspici del programma di rilancio turistico dell'intera area, un rapporto dialogico tra storia e contemporaneità. Ciò significa riflettere sui "modelli" o, specificamente, insistere sul valore di qualità, su segni da inserire nel tessuto urbano che non siano celebrativi della memoria, oppure segni esibiti come trofei dell'omologazione, affermazione della mondanità internazionale dietro la quale, spesso, si trincerano tanti interventi operati oggi nelle città. Con la valorizzazione dei luoghi, dando ad essi sia l'identità della storia sia l'adesione alla contemporaneità, Giffoni Sei Casali ha scelto di fare del territorio e della comunità un ambiente competitivo e di eccellenza.

Scegli la lingua

italiano

english